NEWS - Riviste

NEWS - Riviste

NEWS - Riviste

NOTIZIE DEL SITO ACOI

Ricerca nel titolo

  


PROGRAMMA PRELIMINARE
ALTRO - Autore Segreteria 
Numero 6620 del 29/07/2022


Documento sulla nomina del Direttore di struttura complessa di chirurgia generale dell’Ospedale Mazzoni ASUR Marche A.V.5
FOCUS ON - Autore Segreteria 
Numero 6511 del 01/07/2022

Al Direttore Generale ASUR Marche
Dr.ssa Nadia Storti
Al Direttore Sanitario ASUR Marche
Dr. Remo Appignanesi
All’Assessore Sanità Regione Marche
Dr. Filippo Saltamartini

Fabriano 21/06/2022
A proposito di nomine.
Mi vedo costretto in qualità di coordinatore A.C.O.I. per la Regione Marche ad intervenire su un atto della pubblica amministrazione che ci riguarda, nello specifico la nomina del Direttore di Struttura Complessa di Chirurgia Generale dell’Ospedale “Mazzoni” di Ascoli Piceno, presidio ASUR, da parte del Direttore di Area Vasta Dr. Massimo Esposito.
Come noto il Direttore ha la possibilità di scegliere nella terna selezionata dalla commissione tecnica con l’obbligo di motivare la scelta qualora questa non riguardi il primo della graduatoria.
La Commissione ha svolto il suo lavoro in maniera impeccabile, selezionando una terna di altissimo profilo professionale. Il Direttore di Area Vasta con determina 692 del 20 giugno 2022 ha nominato il secondo candidato della lista. Fino qui niente da eccepire.
Il motivo di questa mia riguarda le motivazioni della scelta stessa, nelle quali si ravvisano degli aspetti lesivi della dignità della Professione di chirurgo e anche del lavoro svolto dalla commissione stessa.
Infatti il Direttore Generale asserisce che la valutazione della esperienza professionale del Dr. Guercioni, il candidato giudicato migliore dalla commissione, è da rivedere in senso negativo, in quanto la valutazione delle performances della UOC del Mazzoni, da lui diretta come F.F. nel 2021, in piena pandemia COVID-19, non è allineata col 2019 ed è leggermente inferiore alla media ASUR. Non c’è bisogno di rammentare ai lettori le difficoltà legate alla gestione della pandemia in particolare con un mandato temporaneo di facente funzioni. La affermazione che la differenza di valutazione tra il primo e secondo candidato è prevalentemente legata alle funzioni svolte appare inoltre quantomeno inopportuna e pretestuosa.
La seconda motivazione del Direttore Generale fa riferimento alla casistica operatoria, con un confronto tra i numeri degli interventi e la complessità degli stessi (esperienza assolutamente importante ed encomiabile del prescelto Dr.Gardini prevalentemente in chirurgia epato bilio pancreatica maggiore) .
Viene inoltre asserito che il Dr.Guercioni non presenta casistica riferibile a chirurgia del colon retto contro una discreta casistica del Dr. Gardini, seppur prevalentemente laparotomica. Ci si domanda a questo punto che valutazione abbia fatto la commissione considerato che la chirurgia oncologica del colon retto rappresenta lo zoccolo duro per ogni Ospedale della tipologia di Ascoli. Se il Dr.Guercioni non avesse prodotto in casistica tale chirurgia, per errore, la commissione non avrebbe potuto valutare buona la casistica stessa! Aggiungo che come il Direttore di Area Vasta conosce i dati delle performance della unità operativa, dovrebbe conoscere anche la tipologia chirurgica della stessa e dovrebbe quindi conoscere la casistica del Dr. Guercioni indipendentemente dal concorso fermo restando che la valutazione tecnica spetta ai chirurghi della commissione e al direttore sanitario ASUR . Mi risulta che il Dr Esposito abbia un profilo di competenze amministrativo. Tra l’altro è noto alla comunità dei Chirurghi che fiore all’occhiello della chirurgia del Mazzoni è la chirurgia laparoscopica del colon retto e gastrica e la applicazione del protocollo ERAS.
Tralascio le considerazioni sula produzione scientifica che sono state valutate dalla commissione secondo legge e che premiano il Dr. Gardini. Rammento però che non si tratta di nominare un docente universitario ma un direttore di chirurgia ospedaliera e giustamente la legge regionale dà un peso modesto in sede concorsuale a tale titolo. Tra l’altro la buona produzione scientifica del Dr Gardini è essenzialmente nell’ambito della patologia oncologica pancreatica ed epatica che non credo rappresentino la attività prevalente della chirurgia di Ascoli.
Tralascio anche le considerazioni sulle motivazioni espresse dal Direttore di AV sul perché non è stata scelta la terza della lista, Dr.ssa Bazzocchi e sulle quali pure ci sarebbe da puntualizzare.
Mi permetto invece di fare le seguenti considerazioni:
Il Direttore ha pesantemente contestato nei fatti ed in sede non propria il lavoro della commissione asserendo che il profilo di chirurgo epatobiliopancreatico quale è il Dr Gardini era nel profilo dettato nel concorso, e ciò non risulta.
Il Direttore entra nella valutazione della casistica operatoria già valutata dalla commissione asserendo delle palesi inesattezze.
Si ravvisa almeno in alcuni passaggi della determina a firma del Direttore di Area Vasta la presenza di un consulente medico e ho dubbi che questo sia possibile e legittimo.
Il Direttore di Area Vasta fa delle considerazioni sulla attività organizzativa e direttiva del Dr. Guercioni in qualità di Direttore F.F. della U.O. che lasciano il tempo che trovano, non essendo possibile paragonare tale attività con quella del Dr. Gardini che non le ha mai svolte. Ripeto inoltre quanto già asserito sulla opportunità e sul valore nel valutare le performances chirurgiche in periodo pandemico confrontandole col periodo antecedente.
Il Direttore di Area Vasta quindi fa considerazioni unicamente in senso negativo sul primo classificato contestando di fatto il lavoro della commissione esaminatrice. Avrebbe dovuto invece motivare positivamente la scelta del Dr.Gardini, per esempio in quanto esperto di patologia oncologica epato bilio pancreatica perché intento della AV 5 sarebbe di dedicare la Chirurgia del Mazzoni a tale ambito nosologico. Peccato che questo sia in palese contraddizione col profilo oggettivo descritto nel bando, con le più accreditate linee guida organizzative in riferimento ai volumi, con le necessità del territorio di riferimento e con la rete clinica regionale che anche la nostra Società scientifica oltre alla direzione ASUR e alla Agenzia Sanitaria Regionale stanno cercando di attuare.
Questo scritto, si badi bene, non è un pamphlet a favore del Dr. Guercioni. Tutti i Colleghi della terna, tra l’altro soci ACOI, hanno sicuramente le capacità e le conoscenze per svolgere la funzione di Direttore di U.O.C. ma è la legge che chiede di giustificare scelte diverse dal primo classificato. Questa è una denuncia contro un metodo arbitrario e non limpido di valutazione che lede la dignità della professione, anche di coloro chiamati a valutare i Colleghi .
La ACOI Marche, insieme alla ACOI Nazionale, chiede quindi il ritiro della determina 692 del Direttore A.V.5 della ASUR Marche .


In fede
Il coordinatore ACOI Marche
Dr. Augusto Verzelli
  

  Allegato


A proposito di nomine
FOCUS ON - Autore Segreteria 
Numero 6509 del 30/06/2022

Mi vedo costretto in qualità di coordinatore A.C.O.I. per la Regione Marche ad intervenire su un atto della pubblica amministrazione che ci riguarda, nello specifico la nomina del Direttore di Struttura Complessa di Chirurgia Generale dell’Ospedale “Mazzoni” di Ascoli Piceno, presidio ASUR, da parte del Direttore di Area Vasta Dr. Massimo Esposito.
Come noto il Direttore ha la possibilità di scegliere nella terna selezionata dalla commissione tecnica con l’obbligo di motivare la scelta qualora questa non riguardi il primo della graduatoria.
La Commissione ha svolto il suo lavoro in maniera impeccabile, selezionando una terna di altissimo profilo professionale. Il Direttore di Area Vasta con determina 692 del 20 giugno 2022 ha nominato il secondo candidato della lista. Fino qui niente da eccepire.
Il motivo di questa mia riguarda le motivazioni della scelta stessa, nelle quali si ravvisano degli aspetti lesivi della dignità della Professione di chirurgo e anche del lavoro svolto dalla commissione stessa.
Infatti il Direttore Generale asserisce che la valutazione della esperienza professionale del Dr. Guercioni, il candidato giudicato migliore dalla commissione, è da rivedere in senso negativo, in quanto la valutazione delle performances della UOC del Mazzoni, da lui diretta come F.F. nel 2021, in piena pandemia COVID-19, non è allineata col 2019 ed è leggermente inferiore alla media ASUR. Non c’è bisogno di rammentare ai lettori le difficoltà legate alla gestione della pandemia in particolare con un mandato temporaneo di facente funzioni. La affermazione che la differenza di valutazione tra il primo e secondo candidato è prevalentemente legata alle funzioni svolte appare inoltre quantomeno inopportuna e pretestuosa.
La seconda motivazione del Direttore Generale fa riferimento alla casistica operatoria, con un confronto tra i numeri degli interventi e la complessità degli stessi (esperienza assolutamente importante ed encomiabile del prescelto Dr.Gardini prevalentemente in chirurgia epato bilio pancreatica maggiore) .
Viene inoltre asserito che il Dr.Guercioni non presenta casistica riferibile a chirurgia del colon retto contro una discreta casistica del Dr. Gardini, seppur prevalentemente laparotomica. Ci si domanda a questo punto che valutazione abbia fatto la commissione considerato che la chirurgia oncologica del colon retto rappresenta lo zoccolo duro per ogni Ospedale della tipologia di Ascoli. Se il Dr.Guercioni non avesse prodotto in casistica tale chirurgia, per errore, la commissione non avrebbe potuto valutare buona la casistica stessa! Aggiungo che come il Direttore di Area Vasta conosce i dati delle performance della unità operativa, dovrebbe conoscere anche la tipologia chirurgica della stessa e dovrebbe quindi conoscere la casistica del Dr. Guercioni indipendentemente dal concorso fermo restando che la valutazione tecnica spetta ai chirurghi della commissione e al direttore sanitario ASUR . Mi risulta che il Dr Esposito abbia un profilo di competenze amministrativo. Tra l’altro è noto alla comunità dei Chirurghi che fiore all’occhiello della chirurgia del Mazzoni è la chirurgia laparoscopica del colon retto e gastrica e la applicazione del protocollo ERAS.
Tralascio le considerazioni sula produzione scientifica che sono state valutate dalla commissione secondo legge e che premiano il Dr. Gardini. Rammento però che non si tratta di nominare un docente universitario ma un direttore di chirurgia ospedaliera e giustamente la legge regionale dà un peso modesto in sede concorsuale a tale titolo. Tra l’altro la buona produzione scientifica del Dr Gardini è essenzialmente nell’ambito della patologia oncologica pancreatica ed epatica che non credo rappresentino la attività prevalente della chirurgia di Ascoli.
Tralascio anche le considerazioni sulle motivazioni espresse dal Direttore di AV sul perché non è stata scelta la terza della lista, Dr.ssa Bazzocchi e sulle quali pure ci sarebbe da puntualizzare.
Mi permetto invece di fare le seguenti considerazioni:
1) Il Direttore ha pesantemente contestato nei fatti ed in sede non propria il lavoro della commissione asserendo che il profilo di chirurgo epatobiliopancreatico quale è il Dr Gardini era nel profilo dettato nel concorso, e ciò non risulta.
2) Il Direttore entra nella valutazione della casistica operatoria già valutata dalla commissione asserendo delle palesi inesattezze.
3) Si ravvisa almeno in alcuni passaggi della determina a firma del Direttore di Area Vasta la presenza di un consulente medico e ho dubbi che questo sia possibile e legittimo.
4) Il Direttore di Area Vasta fa delle considerazioni sulla attività organizzativa e direttiva del Dr. Guercioni in qualità di Direttore F.F. della U.O. che lasciano il tempo che trovano, non essendo possibile paragonare tale attività con quella del Dr. Gardini che non le ha mai svolte. Ripeto inoltre quanto già asserito sulla opportunità e sul valore nel valutare le performances chirurgiche in periodo pandemico confrontandole col periodo antecedente.
5) Il Direttore di Area Vasta quindi fa considerazioni unicamente in senso negativo sul primo classificato contestando di fatto il lavoro della commissione esaminatrice. Avrebbe dovuto invece motivare positivamente la scelta del Dr.Gardini, per esempio in quanto esperto di patologia oncologica epato bilio pancreatica perché intento della AV 5 sarebbe di dedicare la Chirurgia del Mazzoni a tale ambito nosologico. Peccato che questo sia in palese contraddizione col profilo oggettivo descritto nel bando, con le più accreditate linee guida organizzative in riferimento ai volumi, con le necessità del territorio di riferimento e con la rete clinica regionale che anche la nostra Società scientifica oltre alla direzione ASUR e alla Agenzia Sanitaria Regionale stanno cercando di attuare.
Questo scritto, si badi bene, non è un pamphlet a favore del Dr. Guercioni. Tutti i Colleghi della terna, tra l’altro soci ACOI, hanno sicuramente le capacità e le conoscenze per svolgere la funzione di Direttore di U.O.C. ma è la legge che chiede di giustificare scelte diverse dal primo classificato. Questa è una denuncia contro un metodo arbitrario e non limpido di valutazione che lede la dignità della professione, anche di coloro chiamati a valutare i Colleghi .
La ACOI Marche, insieme alla ACOI Nazionale, chiede quindi il ritiro della determina 692 del Direttore A.V.5 della ASUR Marche .


In fede
Il coordinatore ACOI Marche
Dr. Augusto Verzelli
  

  Allegato


Gli auguri del Presidente Marco Scatizzi
FOCUS ON - Autore Segreteria 
Numero 6231 del 16/04/2022

Cari colleghi, cari amici, cari soci ACOI

colgo l’occasione della Santa Pasqua, per scrivervi e per sentici più vicini.
La pandemia dà segni finalmente di cedere il passo alla normalità, ma la gioia di questo momento è stata brutalmente cancellata dalla Guerra.
Una guerra in Europa, dopo 70 anni di Pace, di sviluppo, di prosperità, nonostante i problemi non fossero scomparsi, non mi sarei mai aspettato di vedere le scene a cui assistiamo quotidianamente ed il racconto raccapricciante dei testimoni degli orrori, degli stupri e delle torture nei confronti del popolo ucraino. Siamo vicini, come ACOI, a questo popolo martoriato, con la sottoscrizione a loro favore e con i tanti atti di disponibilità ed accoglienza che privatamente molti di noi fanno, nel silenzio e nell’umiltà della generosità.
Grazie.
Speriamo che presto cessino le ostilità e si torni al dialogo ed alla diplomazia, che prevalga quella luce che in fondo al cuore ognuno di noi ha, anche se molti la nascondono bene.
L’ACOI, comunque è viva e lavora, ogni giorno negli Ospedali italiani, attraverso l’impegno di ciascuno di voi, e con l’impegno mio, del Consiglio Direttivo, dei Coordinatori regionali, del Gruppo giovani, della Segreteria e di Comsurgery, per far crescere la nostra forza, la nostra cultura, la nostra leadership.
Il Congresso di Riva del Garda è in fase avanzata di progettazione, stanno arrivando i contributi di moltissimi di voi, la dead line per gli abstract è stata sposta al prossimo 20 aprile, continuate ad inviarci i vostri preziosi contributi.
Dopo Pasqua sarà pubblicato il Programma ed il bando d’iscrizione al 1° Corso di Alta Formazione Chirurgica della Scuola Nazionale Ospedaliera di Chirurgia (SNOC), sulla Chirurgia generale e mininvasiva di base, aperto agli specializzandi degli ultimi 2 anni ed ai giovani chirurghi. Stiamo rivoluzionando l’offerta formativa di ACOI all’insegna dell’inclusione e della serietà dei programmi. Vi aspetto numerosi ad iscrivervi.
Da oggi è attivo https://www.editorialmanager.com/jiahs/ Il sito per sottoporre alla nostra rivista, Giornale di Chirurgia –Journal of Italian Surgical Association i contributi scientifici di tutti i soci e non solo.
In sei mesi credo che possiamo essere orgogliosi del lavoro svolto, orgogliosi di essere chirurghi, ed è solo l’inizio.
Un caloroso abbraccio a tutti voi ed a ciascuno. Siete nel mio cuore.
  

  Allegato





Scuola Nazionale Ospedaliera di Chirurgia
FOCUS ON - Autore Segreteria 
Numero 6101 del 04/02/2022

Cari soci,
con grande impegno di tutti stiamo dando concretezza all'organizzazione della Scuola Nazionale Ospedaliera di Chirurgia.
In allegato troverete il bando per chi vorrà fare il docente in uno o, al massimo, due Corsi di Alta formazione Chirurgica, che prenderanno progressivamente il via nei prossimi mesi. Sul sito ACOI, alla pagina dedicata alla Scuola, troverete copia del Regolamento e dei moduli per la richiesta di ammissione al bando per ciascuna disciplina. Dato l'impegno necessario per garantire una formazione dei nostri discenti che sia completa, aggiornata, con forte connotazione ad acquisire le abilità pratiche oltre alla necessaria conoscenza, sono richieste alcune caratteristiche anche dell'Ospedale o dell'Azienda dove si svolgerà il Corso. Non saranno fatte graduatorie, ma semplicemente verificata l'idoneità del docente e della Struttura. Il bando si chiuderà venerdì 18 febbraio. Subito dopo si costituirà il Corpo docente, i Centri di Coordinamento e di Tutoraggio. Sarà tutta l'ACOI ad avere l'opportunità di impegnarsi a far crescere i più giovani, o quelli che vogliano sviluppare abilità specifiche in ambiti di loro interesse, in un mutuo aiuto all'interno della nostra grande Famiglia.
Coloro che hanno intenzione di partecipare ai Corsi, potranno rispondere ad un sondaggio che invieremo a tutti i soci, dove potranno indicare senza impegno i loro interessi, per poter fare una valutazione numerica dei colleghi interessati e dimensionare l'offerta formativa di conseguenza.
Per spiegare ancor meglio questa importantissima iniziativa vi dò appuntamento giovedì 10 febbraio alle 18 sui nostri canali social, e dal sito www.acoi.it, per il primo "giovedì del Presidente in diretta".

Ci sarà la possibilità di fare domande alle quali darò risposta per chiarire dubbi e curiosità riguardo al nostro grande Progetto.
Questo appuntamento spero diverrà una consuetudine, per avere la possibilità di stringere sempre di più il rapporto fra voi, il Presidente ed il Consiglio Direttivo. Certamente saprete darci suggerimenti preziosi per la nostra attività di governo della Chirurgia Ospedaliera.
Un abbraccio a tutti
vi aspetto numerosi e carichi di entusiasmo per questa nuova iniziativa.
Marco Scatizzi

  

  Allegato